Valutazione attuale: 5 / 5

Star ActiveStar ActiveStar ActiveStar ActiveStar Active
 

Il furto di un veicolo in Tunisia è un evento RARISSIMO ma non NULLO. Se però accade, la situazione è abbastanza seria, purtroppo. Si tratta di un problema doganale che NON è segnalato nè sul sito web del Ministero del Turismo Tunisino nè sul sito del ns. Ministero degli Esteri. In poche parole, il problema nasce dal fatto che la Tunisia ha una legge molto stretta sull'importazione di veicoli, e questo porta ad un certo giro di importazione illegale. E' accaduto in passato quindi che alcune persone abbiamo importato dei veicoli come importazione temporanea (ossia quella che fate voi quando fate un viaggio di una o due settimane in Tunisia) e ne abbiamo poi spiegato la "sparizione" con un furto, in questo modo era possibile evitare la tassa doganale di importazione, anche se ovviamente poi l'acquirente si ritrovava ad avere un veicolo "illegale", ma per le moto che prendevano la direzione dell'Algeria o della Libia, questo è un problema relativo.

La conseguenza di ciò è che ora NON bastano più i documenti della denuncia di furto (redatti dalla Polizia) per lasciare il Paese senza il proprio veicolo. Per il semplice motivo che la Dogana tunisina è (purtroppo) libera di "credere" o NON CREDERE alla buona fede del turista, in altre parole la Dogana può chiedere al turista di pagare la tassa di importazione del veicolo, se ritiene che il turista abbia agito con dolo per  importare in Tunisia illegalmente il veicolo vendendolo "in nero". 

La tassa equivale più o meno al 100% del valore commerciale dei veicolo, stimato secondo delle tabelle in mano alla Dogana tunisina. E visto che il valore dei veicoli importati in Tunisia è piuttosto alto, ci si può ritrovare a dover pagare una cifra che di fatto è ancora maggiore del reale valore di mercato del veicolo in Italia. E' possibile fare ricorso e chiedere alla Dogana una riduzione della stima del valore, ma questa riduzione può essere anche minima, o nulla.

Il passo successivo è una richiesta dell'Ambasciata Italiana a Tunisi alla Dogana, per diminuire (anche fino al 90%) il valore stimato dalla Dogana medesima. Dal momento del furto al momento della richiesta dell'Ambasciata, passa almeno una settimana, tra una cosa e l'altra. Se il veicolo NON viene ritrovato, si è costretti quindi a pagare questo dazio, quindi oltre il danno del furto anche la beffa e l'offesa di essere considerati collusi con dei malviventi.

RACCOMANDIAMO QUINDI tutti i proprietari di piccole enduro specialistiche di ASSICURARLE CONTRO IL FURTO, e di stipulare una polizza di ASSISTENZA LEGALE (tipo quella all-inclusive di EuropAssistance, che include anche rimborsi spese e assistenza sanitaria e meccanica) VISTO CHE IN CASO DI FURTO IL TOUR LEADER DOVRA' COMUNQUE PROSEGUIRE IL VIAGGIO CON IL RESTO DEL GRUPPO, E QUINDI NON POTRA' RESTARE AL VOSTRO FIANCO.

La nostra Agenzia (come d'altra parte tutte) NON è tenuta (nè ha le conoscenze legali) a fornire a Clienti assistenza legale in questi casi, siamo una Agenzia viaggi non uno studio legale o di investigazione privata. Sottolineo questo perchè, molto comprensibilmente, il Cliente che viene derubato si sente poi magari "abbandonato" dall'Agenzia viaggi, che d'altra parte deve per forza continuare il viaggio, visto che il resto del gruppo ha pagato per un servizio e deve ottenerlo. Il tour leader quindi non può annullare il viaggio per un caso di furto.

A meno che tutto il gruppo non decida di sospendere il viaggio e restare fisicamente vicino alla persona che ha subito il furto (quindi perdendo i pernottamenti presso gli altri Hotels prenotati in altre città, e dovendosi pagare l'Hotel presso il quale si desidera fermarsi presso il luogo del furto), il tour operator è costretto a proseguire. Certamente faremo il possibile per restare in contatto telefonico ogni giorno con il derubato, fornendo suggerimenti e contatti telefonici per trovare un avvocato o per poter ottenere un veicolo a noleggio eccetera, ma dovete essere sempre coscienti che un viaggio in Africa non è una scampagnata dietro casa, e la burocrazia africana e tunisina in questo caso, non guarda in faccia a nessuno.

CONSIGLIAMO QUINDI SEMPRE UNA ASSISTENZA LEGALE che va "pre acquistata" con una Assicurazione o pagato in loco. Idem per i rimborsi delle spese dovute al furto, vanno coperte con una adeguata Assicurazione.

 

 

Informazioni aggiuntive